Sweetest Banana Cake

Questo blog di cucina, ammetto, sembra sempre più un blog di dolci.
Mea culpa, alzo le mani e mi scuso…ma intanto ho una nuova ricetta
da postare, ed è nuovamente un dessert/merenda/colazione.

Ho sperimentato questa ricetta in uno di questi pomeriggi lunghi
e uggiosi, perfetti per rinchiudersi in casa e vagare tra la cucina
e il soggiorno (film-torta-film, lo schema che regna in questo periodo).
Non mi dilungo oltre, solo aggiungo un piccolo consiglio: provate
questa torta come ho fatto io, guardando un film (consiglio
across the universe) con un’amica accanto.

Potrebbe essere la svolta.

banana cake breakfast

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sweetest Banana Cake

Ispirata alla Clementine Bakery’s Banana Cake su The Wednesday Chef

Torta:
2 1/2 tazze di farina per dolci (se di tipo 00, toglietene un paio di cucchiai)
2 1/3 tazze di zucchero
3/4 cucchiaino di lievito per
dolci
1 1/2 cucchiaino di bicarbonato
1 cucchiaino di sale
3 banane grandi e molto mature
1 uovo
1/2 tazza di panna o latte
1/3 di tazza di olio d’oliva
1 1/2 cucchiaino di vanillina o aroma di vaniglia

Glassa:
180 g di formaggio cremoso (philadelphia o ricotta confezionata)
50 g di burro a temperatura ambiente

1/3 di tazza di zucchero a velo


3 cucchiai di yogurt magro

Preriscalda il forno a 180° C e fodera di carta da forno una teglia
(io ne ho usata una quadrata di dimensioni 20×30 circa, ma la forma
è a vostro piacimento, anche rotonda fa la sua figura).

In una terrina mescola farina, zucchero, bicarbonato, lievito e sale.
Separatamente, frulla le banane (o schiacciale con una forchetta),
aggiungi l’uovo, il latte o panna, l’olio e la vanillina.

Infine incorpora gli ingredienti asciutti al composto di banana ad ottenere
un bel composto liscio, scodella il tutto nello stampo da torta e inforna.
La cottura va dai 35 ai 40 minuti, e comunque finché il proverbiale
stuzzicadenti infilato al centro non ne uscirà asciutto.

Mentre la torta cuoce, prepara la glassa sbattendo il formaggio con
il burro, lo yogurt e lo zucchero a velo fino a rendere il tutto liscio e omogeneo.
No ai grumi!

 

Una volta cotta, la torta dovrà essere raffreddata prima di poter accogliere
propriamente la glassa. Per una resa ottimale, lasciala in frigo finché non giungerà
il momento di servirla, così che la glassa si solidifichi.

P.S. Accompagnatela con del té Earl Grey…è la morte sua. Credetemi.

 

banana cake fork

Annunci
2 commenti
  1. samantha ha detto:

    cosa vuol dire una tazza di ..? in italia la tazza non è un’unità di misura

    • Ciao Samantha,
      in italia la tazza non è un’unità di misura, vero, ma dato che le dosi
      sono espresse con lo stesso criterio non dovrebbero esserci incongruenze.
      Mi spiego meglio: io ho scelto una tazza (di quelle ikea, classiche) e uso
      sempre la stessa. Non ho mai avuto problemi!
      Spero di essere stata d’aiuto!

      A.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: