Gran ritorno al cioccolato

Ritornare è sempre un po’ difficile.
Ho passato qualche mese ad occuparmi un po’ di me, dell’università,
delle persone che mi stanno attorno, e ora che tutto è in ordine posso
ritornare ad occuparmi di questo blog.
L’ispirazione mi è arrivata da Ade, che questo weekend è stata ospite
a casa nostra e ha preparato una ricetta che avevo lasciato da parte da
un po’. Quale occasione migliore per riproporla qui?

Questa è una torta semplicissima, vegana, senza nulla in più
dell’indispensabile. Questa volta ho provato a farla in versione muffin
(unica differenza: molti stampini invece di un solo stampo, semplice).
Se non avete nulla da fare e insorge la voglia di cioccolata, tirate su
le maniche e preriscaldate il forno, in dieci minuti sarà tutto infornato.

Image

Torta essenziale al cioccolato
(adattata da joy the baker)

2 1/2 tazze di farina tipo 00
1/2 tazza di cacao amaro in polvere
1 tazza di zucchero
1 cucchiaino di bicarbonato
1/4 di cucchiaino di lievito per dolci
1/2 cucchiaino di sale
1 tazza di caffè
1/2 tazza di olio extra vergine d’oliva
Cioccolato extra fondente, a piacere

Preriscalda il forno a 180°C, poi prepara dei pirottini in alluminio,
imburrandoli o, come ho fatto io, foderandoli con pirottini di carta.
Taglia il cioccolato a pezzettoni e mettilo da parte, cercando di
non mangiarne la metà durante la preparazione (come invece
ho fatto io).

In una terrina grande, mescola gli ingredienti secchi, bene, e in
una più piccola tieni olio e caffè. Aspetta che la temperatura del
caffè scenda, poi incorpora gli ingredienti umidi nella terrina grande.
Quando l’impasto si presenterà omogeneo, aggiungi il cioccolato
rimasto e mescola finché non sarà ben distribuito.
Dividi l’impasto nei pirottini e inforna per 30-35 minuti, nel dubbio
passa alla prova dello stuzzicadenti (vedi post precedenti).

Nel caso della torta il tempo impiegato è lo stesso, ma se la preferite
un po’ più secca lasciatela in forno dieci minuti in più.
Lasciate raffreddare i muffin o la torta su una gratella, poi serviteli
(/la) tiepidi. Nel caso siate soli e siete inclini ai peccati di gola, evitate
di starci troppo vicino: meglio tenerla ben riposta in uno scaffale
in credenza. Devo ancora trovare qualcuno che non chieda il bis.

Image

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: